ospedale cremona neonatologia

“Condivisi con medici criteri terapia sub intensiva”

“Dal 1° marzo verrà attuata la delibera regionale”

“Non ci sarà alcuno svuotamento dei reparti di neonatologia all’ospedale di Cremona, dove continuerà la cura dei neonati prematuri entro i criteri della terapia sub intensiva”.  Lo specifica l’assessore regionale al Welfare, Giulio Gallera.

‘Tavolo di lavoro’

“Attuando l’impegno assunto nei mesi scorsi – commenta l’assessore Gallera – si è tenuto il ‘tavolo di lavoro’ fra i referenti delle neonatologie e delle terapie intensive di Cremona e Brescia, coordinati dai referenti della rete ‘Percorso nascita’ e dai dirigenti della Direzione generale Welfare di Regione Lombardia“.

Incontro proficuo

“L’incontro è stato proficuo e costruttivo – aggiunge l’assessore Gallera – perché ha permesso di condividere e approfondire con precisione ed esattezza gli aspetti tecnici della medicina materno fetale e i parametri di intervento in regime di terapia sub intensiva. È stato, inoltre, attivato il servizio di trasporto protetto, nella cornice di una solida e
condivisa collaborazione con l’ospedale di Brescia, dei neonati, qualora ce ne siano, che invece necessitano della terapia intensiva”.

“Riferirò su aspetti tecnici”

“Così come mi ero impegnato a fare – sottolinea l’assessore Gallera – prima dell’attuazione della delibera che avverrà il 1° marzo riferirò al presidente della Provincia di Cremona e a un gruppo ristretto di sindaci e amministratori locali tutti gli aspetti tecnici scaturiti dai tavoli di lavoro, per rassicurarli sul fatto che il numero dei bambini che non verranno più presi
in carico nel presidio cittadino sarà molto circoscritto”.

gal