ricerca

Il vicepresidente: aiutiamo a rendere concrete idee vincenti

Ricerca e sanità. Si è svolta oggi la quarta edizione della ‘Giornata dell’Inventore’, un momento ideato dal Policlinico di Milano per valorizzare il lavoro dei ricercatori. Si tratta di un evento per mettere in vetrina il meglio delle scoperte fatte nei quattro IRCCS pubblici lombardi, che sono parte dell’iniziativa. Gli IRCCS in Lombardia fanno infatti ricerca ad altissimo livello, e sono una fucina di invenzioni e brevetti che vanno da nuovi farmaci, a cure innovative, a dispositivi che possono potenzialmente cambiare in meglio la gestione del paziente. Per valorizzare queste invenzioni è nato il ‘Coordinamento degli Uffici Brevetti’ dei quattro Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico (IRCCS) lombardi, che comprendono il Policlinico di Milano, il Policlinico san Matteo di Pavia, l’Istituto Neurologico Besta e l’Istituto Nazionale Tumori di Milano.

Promosse nuove scoperte ricerca in campo sanitario

La guida del Coordinamento sarà affidata al Policlinico di Milano e promuoverà l’incontro degli inventori con il mercato, per raccogliere finanziamenti e costituire un volano della ricerca scientifica. “Per supportare il ‘trasferimento tecnologico’ del ‘Coordinamento degli Uffici Brevetti’ dei quattro IRCCS pubblici lombardi – ha detto il vicepresidente di Regione Lombardia Fabrizio Sala – abbiamo da poco stanziato 2 milioni di euro. Si tratta di rendere concreta la realizzazione delle idee vincenti e delle nuove scoperte in campo sanitario, per esempio, per diagnosticare e prevenire nuove malattie. In questo, la Lombardia si conferma un modello efficiente a beneficio di tutti i cittadini”. I quattro IRCCS hanno già risposto mettendo in campo altrettante risorse tra capitale umano, spazi e macchinari all’avanguardia.

Con bando Call Hub valorizzate ricerca salute e life sciences

“In tema di salute e life sciences abbiamo anche appena stanziato circa 40 milioni di euro di fondi pubblici nel contesto del bando Call Hub. Riguarda progetti che permetteranno lo sviluppo di nuovi farmaci, terapie innovative con modelli predittivi e approcci diagnostici personalizzati per molte patologie – ha inoltre aggiunto Sala -. Si tratta anche di un chiaro esempio di collaborazione e messa in rete di aziende, piccole, medie e grandi, con centri di Ricerca e Università”.

gal